Defiance

http://www.spaziogames.it

 

Non deve essere stato facile per Trion Worlds concepire un titolo come Defiance. Da un lato gli sparatutto MMO non hanno finora goduto di un successo pari alle controparti ruolistiche (si veda il flop di APB) e, soprattutto su console, il modello always on line deve ancora farsi le ossa. Se poi pensiamo che si tratta di una IP completamente nuova, che i lavori vanno avanti da oltre quattro anni e che le alternative Free to Play non mancano di certo, possiamo considerare quella del team californiano una scommessa piuttosto rischiosa. Tra l’altro, a oltre dieci giorni dall’uscita, Defiance è tutt’altro che scevro da bug; anche nel nostro caso con la versione per PC dobbiamo fare i conti ancora adesso con disconnessioni, crash, glitch grafici e altre magagne, anche se per fortuna non siamo incappati in bug tali da pregiudicare l’andamento delle quest. Gli aggiornamenti di Trion Worlds sembrano comunque essere puntuali, ma la partenza poteva essere certamente meno problematica e la recente lettera di scuse degli stessi sviluppatori ne è un’ulteriore conferma.  Si spara molto e si pensa poco

Problemi a parte, Defiance è uno shooter MMO in terza persona coraggioso e piuttosto interessante, anche per la vicinanza concettuale con l’omonima serie TV di fantascienza che sta per debuttare negli USA su SyFy. Non aspettatevi però dal gioco una componente narrativa particolarmente evoluta. Nei panni di un Ark Hunter ci troviamo sulla Terra in un lontano futuro dove un’invasione aliena ha provocato non pochi danni al nostro povero pianeta. Per il resto, a parte la solita atmosfera post-apocalittica tra rovine e desolazione, la trama si evolve in modo piuttosto standard (ci sono di mezzo anche militari e ribelli) e le quest non sono certo il massimo dell’originalità. (leggi articolo)
autore;  Andrea Visconti (Specialized) del 

14533_1a

About the Author

Leave a Reply