Fist of the North Star: Ken’s Rage 2

dal sito  http://gamesurf.tiscali.it 

L’Orsa Maggiore torna a splendere
Hokuto No Ken o, se preferite, Ken il Guerriero. Kenshiro è uno di quegli eroi indimenticabili, tanto forti da riuscire a superare l’essenza stessa del manga o dell’anime per bucare la quarta dimensione e scrivere indelebilmente il proprio nome nei cuori di milioni di appassionati. A fare da sfondo alle sue avventure è un mondo devastato dalla stupidità guerrafondaia dell’uomo, dove il conflitto finale ha lasciato solo aride distese e una società a pezzi, in cui a regnare è la legge del più forte. In mezzo a una popolazione decimata da radiazioni e carestie, a contendersi il comando sono alcuni guerrieri, profondi conoscitori di incredibili arti marziali che permettono di delineare un confine tra la vita e la morte. Kenshiro è il successore della scuola di Hokuto, grazie alla quale può sconfiggere i propri avversari prendo i loro punti di pressione, zone del corpo che innescano reazioni tanto potenti quanto mortali. Attorno a Ken si muove un mondo fatto di eroi e antieroi, tutti con la propria storia da raccontare, dove si intrecciano tragedie di ogni tipo: amori spesso non corrisposti, smisurata sete di potere e sacrifici fatti per il bene del prossimo. (leggi articolo) 

autore Fabio Fundoni (06-02-2013)


 

dal sito :  http://multiplayer.it

Vera icona degli anni 80, la saga di Ken il guerriero non sembra avere la minima intenzione di frenare il suo successo. Tra fumetti, serie televisive, videogiochi e film dedicati si perde letteralmente il conto delle iterazioni dedicate al quarto figlio del pugno. Nato da una collaborazione tra la più fortuite mai viste, quella tra i disegnatori Tetsuo Hara e Buronson, Kenshiro mantiene inalterato il suo fascino bipolare: caritatevole verso gli oppressi quanto spietato con gli aguzzini, sui quali non esita a scatenare la sua abilità nelle arti marziali. Un vero e proprio giustiziere, devastante e implacabile in contrapposizione a un mondo impazzito che conosce solo il linguaggio della violenza. Modello effettivamente molto criticato fin dagli albori, ma che riesce ancora oggi ad esercitare un irresistibile magnetismo su ragazzi di ogni età per i valori che riesce a veicolare, quelli dell’individuo che combatte le avversità basandosi esclusivamente sulla propria forza. Il suo successo è anche da attribuire al particolare stile grafico, che conferisce un’atmosfera assolutamente unica nel suo genere, le incredibili esplosioni di violenza, la cura riposta sia nella caratterizzazione dei personaggi che le varie tecniche di combattimento, e una spiccata teatralità. Sui videogiochi dedicati alla serie si è visto un po’ di tutto (per approfondire date un’occhiata al box dedicato), focalizzando ovviamente sulle caratteristiche picchiaduro, ma è stata Koei l’unica a portare la saga sulle console di questa generazione, sfruttando la tipica impostazione dei titoli musou per allestire combattimenti altamente spettacolari. Per questo seguito gli sviluppatori hanno voluto fare un regalo di valore enciclopedico ai fan, recuperando il materiale del primo capitolo in modo da coprire l’intero arco delle vicende narrate nell’opera originale. Si tratta quindi di un’occasione unica per ripercorrere tutto l’anime dall’incontro con Lynn fino all’isola dei Demoni. Diamo un occhiata a quello che ci aspetta!  (leggi articolo)

 

autore : Dario Rossi     l 6 febbraio 2013

 


 

About the Author

Leave a Reply