Of Orcs and Men

Dal sito: http://gamesurf.tiscali.it

Da sempre i giochi di ruolo ci hanno messo nei panni di valorosi eroi, prodi maghi e potenti guerrieri, elfi e nani. Talvolta abbiamo anche impersonato elfi oscuri o altri personaggi poco rassicuranti, ma se escludiamo rarissimi casi praticamente nessuno aveva tentato prima un approccio tanto singolare quanto quello di Cyanide Studios. Questa software house, generalmente dedita a manageriali ciclistici, ci ha recentemente “deliziati” con chicche del calibro di Game of Thrones (modesto gioco basato sull’omonima serie televisiva) e Blood Bowl, scadente trasposizione dell’omonimo gioco da tavolo. Va da se che le premesse non giocano certo a favore di quest’ultimo tentativo di addentrarsi nell’universo fantasy, ma procediamo senza alcun pregiudizio alla disamina del gioco.  E’ già da un pezzo che si parla di questo bizzarro gioco di ruolo, ma per chi ne fosse totalmente all’oscuro il primo impatto con Of Orcs and Men è piuttosto spiazzante. Ci viene inizialmente illustrata una classica ambientazione fantasy, con umani ed orchi che si danno battaglia in pieno stile Warcraft. A quanto pare la devastante forza degli orchi (rappresentati in questa sede come energumeni muscolosissimi, a livello dell’Hulk cinematografico) è tenuta a bada dal maggior numero e dalla maggiore intelligenza degli umani, i quali riescono a respingerne i continui attacchi ed a decimarne le fila. A questo punto gli orchi decidono di volersi alleare con elfi e goblin, nel disperato tentativo di sconfiggere gli umani e fermare la carneficina. Questa premessa risulta piuttosto canonica ed in linea con l’immaginario fantasy dei videogiochi, non fosse che al termine del filmato ci viene svelato un piccolo particolare: gli orchi siamo noi. (leggi articolo)

autore:  Massimiliano Pacchiano (11-10-2012)


 

Dal sito: http://www.everyeye.it

n un genere così legato al tradizionalismo come quello degli RPG non è facile dissestare pilastri saldi da anni tentando di proporre, in un modo o nell’altro, qualcosa di interessante e fresco. Cyanide Studio, sviluppatore francese già responsabile del “non bellissimo” (per usare un eufemismo) A Game of Thrones RPG ci vuole provare lo stesso, dimostrando gran coraggio e, soprattutto, una decisa voglia di riscatto. Of Orcs and Men, ultima produzione dello studio transalpino in arrivo l’11 Ottobre su Xbox 360, Playstation 3 e PC, ci mette nei panni di quelli che idealmente sono i cattivi. Impersoneremo infatti un tremendo Orco ed un subdolo Goblin in un’avventura all’insegna dell’annientamento dell’impero umano. I puristi, o chi avesse alle spalle una background influenzato da Warhammer -prima- e World of Warcraft poi, potrebbero già storcere il naso di fronte ad un’idea che tuttavia, alla luce dei fatti, funziona piuttosto bene, offrendo spunti interessanti grazie anche ad una trama nel complesso ben studiata. Come vedremo meglio a breve, tuttavia, quanto di buono messo sul piatto dalle peculiarità narrative (e non solo) di Of Orcs and Men viene quasi irrimediabilmente rovinato da un gameplay non soddisfacente e da una linearità, specialmente in fase di level design, quasi imbarazzante. E’ dunque un peccato, lo anticipiamo immediatamente, non vedere del tutto compiuta una produzione piuttosto promettente come questa, che sopperisce alle mancanze tecnico/artistiche di A Game of Thrones con decisione, recuperandone però la scomoda eredità di combat system e progressione. (leggi articolo)

 

autore:  Andrea Vanon


 

About the Author

Leave a Reply