FIFA 13

dal sito: http://www.spaziogames.it

Vancouver – Sta tornando quel periodo dell’anno, quello in cui i giocatori di tutto il mondo si affollano alle porte dei negozi (reali o virtuali che siano) per accaparrarsi l’ultimo capitolo della serie sportiva per eccellenza. Ogni volta si riapre la battaglia tra i due grandi colossi delle simulazioni calcistiche, con il vincitore di un tempo costretto ad inseguire il titolo che sembrava confinato al secondo posto fino alla tanto decisa quanto provvidenziale operazione di rinnovamento. Sta tornando quel periodo dell’anno, e noi di Spaziogames siamo volati fino in Canada per passare due giorni negli uffici dove i poligoni prendono vita, così da provare approfonditamente le novità in arrivo da Electronic Arts per il suo sportivo di punta: FIFA 13.

Mocap 

Partiamo proprio dalla magia che infonde respiro vitale nei poligoni che compongono i calciatori virtuali diFIFA 13, e lo facciamo incominciando dalla nostra interessante visita negli studi di motion capture situati nel campus di Electronic Arts a Vancouver, in Canada. (leggi articolo)
Autore: Alessandro “Mugo” Arndt Mucchi – del 23/07/2012

Una delle cose migliori del calcio è la sua imprevedibilità“, si è aperta con questa citazione di José Mourinho la presentazione. Ed è proprio l’imprevedibilità ad essere l’obiettivo inseguito dal talentuoso team di EA Sports con questa nuova iterazione del loro gioco di calcio. Ospiti degli studi di Vancouver, ci sono state illustrate le novità riguardo i vari titoli sportivi in uscita entro l’anno e ovviamente FIFA 13 è stato il protagonista, con tanto di lungo hands-on.
Imprevedibilità
Grazie a diversi miglioramenti all’impianto di gioco, FIFA 13promette che nessuna partita sarà simile alla precedente. Diversi gli aspetti riveduti e corretti illustratici dal Line Producer Nick Channon, a partire dall’impact engine, che aveva esordito con lo scorso episodio. Oltre agli affinamenti necessari per smussare gli inevitabili spigoli di una tecnologia esordiente, potremo ora osservare negli uno contro uno strattoni e spinte, anche leggere, che influenzano le animazioni e le prestazioni dei calciatori. I contrasti appaiono più credibili, così come il giocatore intento a proteggere la palla si comporterà in maniera realistica, reagendo coerentemente ai tentativi di recuperare la sfera. Una novità assoluta è invece il First Touch Control, che come suggerito dal nome calcola in tempo reale le reazioni della palla nel momento in cui viene ricevuta dal compagno di squadra. (leggi articolo)
Autore:  Valerio De Vittorio  – del  23 luglio 2012

 Il momento che una buona fetta dei videogiocatori italiani attendono con trepidazione è oramai vicinissimo. Tra la fine di Settembre e i primi di Ottobre i videogiocatori potranno mettere le mani su FIFA 13, attesissimo nuovo capitolo della saga che da qualche hanno non fa che collezionare incredibili successi e vincere meritati premi. Ma, dopo un episodio estremamente valido come FIFA 12, come fare a migliorare ancora di più il prodotto? Dove trovare le motivazioni per continuare a percorrere la strada del successo senza fermarsi ed adagiarsi sugli allori?Electronic Arts lo ha voluto spiegare una volta di più alla stampa, invitata per uno showcase completamente “sportivo” nientemeno che negli studi di Vancouver.

Everyeye.it c’era, per constatare in primis la bontà di una produzione che, quest’anno, si pone come dogma l’avvicinamento all’imprevedibilità del calcio, come ci suggerisce Nick Channon (in assenza diDavid Rutter – impegnato da questa parte dell’Oceano), line producer per la serie in alta definizione-, implementando una serie di nuove feature dai “soliti” nomi altisonanti ma dal funzionamento estremamente efficace. Ma vediamo nel dettaglio quali novità ci aspettano in FIFA 13 – forse non ultimo a giungere su Xbox 360, Playstation 3 e PC. (leggi articolo)

Autore:  Andrea Vanon  – del 23/07/2012

About the Author

Leave a Reply