Resident Evil : The Darkside Chronicles HD

DAl sito : http://gamesurf.tiscali.it

Capcom, e nella fattispecie il team Cavia, ha saputo dare nuova linfa vitale ad un genere ormai un po’ bistrattato come quello dei Rail-Shooter puntando su due concetti vincenti: il primo è lo sfruttamento di un brand di richiamo quale è quello di Resident Evil, il secondo è l’idea che un taglio frenetico e cinematografico possano “far vivere” una vicenda con più successo rispetto a un’esperienza più tradizionale. È seguendo questa filosofia che sono nati The Umbrella Chronicles e The Darkside Chronicles per Nintendo Wii, titoli che arrivano su PS3 grazie al supporto Move nella Resident Evil: Chronicles HD Collection.

Tra i due titoli, il secondo – quello che andiamo ad analizzare oggi nella sua nuova veste – è sicuramente quello che ha maggiormente puntato sul lato cinematografico, e se vogliamo caotico. Ma andiamo con ordine: The Darkside Chronicles riprende gli eventi principali di Resident Evil 2 e di Code Veronica, sebbene riarrangiandoli alla nuova regia e al nuovo copione e inserendoli nel contesto di una missione completamente nuova legata alla misteriosa operazione Javier che farà da prologo ed epilogo alla storia. Ogni capitolo permetterà di scegliere chi interpretare tra due protagonisti (Leon e Kreuger, Leon e Claire, e così via), ma questa scelta sarà puramente estetica e non modificherà l’esperienza di gioco se non per qualche battuta dei dialoghi. Nel gioco in single player, il gregario seguirà il giocatore aiutandolo occasionalmente, mentre in co-op ciascuno dei due sarà controllato da uno dei due Move. Rail-Shooter, abbiamo detto: un modo come un altro per dire che dovrete puntare la vostra arma – il PS Move, se non si fosse capito – verso lo schermo e aprire il fuoco contro i nemici mentre il movimento sarà gestito autonomamente dal gioco. L’esperienza propone comunque svariate digressioni: tanto per cominciare, avrete a disposizione svariate armi, di cui la pistola d’ordinanza è certamente la meno prestante sebbene l’unica con caricatori di scorta illimitati, e starà a voi il compito di selezionare la più adatta – non ultimo il pugnale da corpo a corpo – in base ai nemici da affrontare ed imparare ad economizzare le cartucce.

Sarà inoltre compito del giocatore quello di afferrare le munizioni, i curativi e gli extra-bonus che compariranno su schermo, talvolta dopo aver sparato a scatole e bersagli vari, a volte anche solo per una frazione di secondo. Questo perché, come s’è detto, l’azione di gioco seguirà un copione piuttosto cinematografico, in cui raramente vi troverete a stare fermi e tranquilli a sparare ai bersagli di fronte a voi: molto più frequentemente i protagonisti si volteranno di scatto o correranno all’impazzata in cerca di rifugio, quando addirittura non ruzzolano per il pavimento obbligandovi a combattere da prospettive difficoltose; e se anche fosse necessario abbattere un nemico per proseguire, raramente subito dopo si avrà il tempo di sparacchiare in giro. (leggi articolo) 

autore; Tommaso Alisonno  (26-06-2012)



About the Author

Leave a Reply