Mortal Kombat psvita

Dal sito: http://www.spaziogames.it

Una serie storica come quella di Mortal Kombat non poteva certo esimersi dal dare il suo appoggio ad una nuova console portatile dalle capacità tecniche all’avanguardia qual è PlayStation Vita. Non stiamo parlando di un titolo pronto al day one, ma poco ci manca, dato che basterà aspettare poco più di un mese dopo il lancio della portatile Sony (si parla del 27 marzo come data di distribuzione) per mettere le mani sull’ultima opera del team di sviluppo guidato da Ed Boon, storico produttore esecutivo della serie tutta sangue e fatality.
Siamo stati invitati negli uffici milanesi di Warner Bros Entertainment Italia per una prova approfondita del titolo e, lo diciamo subito, le nostre impressioni sono state globalmente positive pur con qualche distinguo. Andiamo con ordine e vediamo insieme cosa possiamo aspettarci dall’ultima incarnazione di una delle serie simbolo del genere dei picchiaduro. (leggi articolo)

autore: Alessandro “Mugo” Mucchi – del 10/02/2012


Dal sito: http://multiplayer.it

Il rilascio di Playstation Vita nei territori PAL è ormai dietro l’angolo, e la tiepida accoglienza riservatale in Giappone non sembra al momento impensierire Sony, convinta che il marketing e soprattutto una line up vincente saranno abbastanza per garantire un buon successo commerciale. Una recente visita presso gli studi milanesi di Warner Bros ci è valsa una prova diretta di Mortal Kombat, ennesimo porting di una famosa saga ad approdare sulla nuova portatile.rasporre un picchiaduro su una console portatile senza snaturarlo o semplificarlo eccessivamente non è certo un compito facile, ma le generose dimensioni di PS Vita hanno indubbiamente semplificato il processo di porting. I tasti frontali ben accessibili non danno problemi nelle esecuzioni di colpi singoli e combo, il D-Pad si rivela preciso nel gestire gli spostamenti (è possibile utilizzare anche l’analogico, ma le combinazioni più complicate risulterebbero indubbiamente molto scomode), mentre i due dorsali sinistro e destro sono deputati rispettivamente all’esecuzione delle prese e della parata, o alle X-Ray se premuti contemporaneamente e a barra carica.  Touch screen frontale e accelerometro sono stati naturalmente implementati, ma non in maniera massiccia, onde evitare di snaturare il gameplay (leggi articolo)

autore:   Andrea Porta  – del 10 febbraio 2012


Dal sito http://www.eurogamer.it

Nei nuovi studi di Warner Bros Italia abbiamo potuto provare con mano la versione PS Vita di Mortal Kombat, il sanguinolento picchiaduro creato da NetherRealm Studios e distribuito dallo stesso colosso statunitense. Un gioco sviluppato con in mente la nuova console portatile Sony, ma in grado di mantenere immutate la maggior parte delle caratteristiche che hanno reso il titolo Playstation 3 e Xbox 360 un successo di critica e pubblico.

Quel Mortal Kombat che è riuscito, a distanza di anni e dopo diversi episodi di infima qualità, a ridare lustro a questa storica serie di picchiaduro che affonda le sue radici negli anni ’90, su cabinato prima e console a 16-bit in seguito. Un titolo forse meno tecnico e rifinito del grande rivale Street Fighter, ma probabilmente maggiormente spettacolare per via della sua truculenza, dei personaggi carismatici e delle Fatality, le uccisioni finali, marchio di fabbrica dell’intero brand.

L’hardware Sony garantisce un’esperienza di gioco ottimale

Grazie alla potenza di PS Vita gli sviluppatori statunitensi hanno potuto impostare il loro lavoro per cercare di offrire un’esperienza il più possibile fedele a quella delle versioni da salotto, in questo caso la Mortal KombatComplete Edition, sia dal punto di vista contenutistico, sia da quello tecnico, magari aggiungendo qualche piccola novità in grado di sfruttare una delle tante capacità messe a disposizione della console. A nostra disposizione c’era un codice non ancora completo del gioco, previsto per fine marzo, con la seconda ondata di titoli in arrivo per Vita. (leggi articolo)

autore: di Luca Forte  11 febbraio, 2012


 

 

About the Author

Leave a Reply